Virus intestinale tra le possibili cause della celiachia

Virus intestinale

Ricerca di due istituti americani: il reovirus è sempre stato considerato innocuo per la salute, ma ora appare collegato allo sviluppo della risposta immunitaria contro il glutine

Una della cause della celiachia potrebbe essere di origine virale. Lo sostiene uno studio realizzato dalle università di Chicago e di Pittsburgh e pubblicato recentemente su Science. Nella ricerca viene indicato in particolare il gruppo dei reovirus come possibile responsabile della risposta immunitaria nei confronti del glutine che obbliga le persone a rinunciare a pane, pasta, agli alimenti a base di frumento, oltre che a segale, orzo e avena.

LO STUDIO  

I reovirus sono virus normalmente innocui che si trovano anche all’interno dell’intestino dell’uomo. I ricercatori hanno però osservato che infettando alcuni topi con un particolare ceppo di reovirus, questo portava a una risposta autoimmune e alla perdita di tolleranza nei confronti del glutine.

Passando poi allo studio sui pazienti che soffrono di celiachia, i ricercatori hanno rilevato una quantità più elevata di anticorpi contro i reovirus rispetto alle persone sane. Inoltre i primi mostravano anche un’alta espressione di IRF1, una proteina che ha un ruolo centrale nell’insorgenza dell’intolleranza verso il glutine.

L’ipotesi è che l’infezione da parte di un reovirus possa lasciare un’impronta permanente sul sistema immunitario della persona e in futuro portare alla celiachia. In questo modo sarebbero i bambini già geneticamente predisposti alla celiachia i più a rischio sviluppo della malattia in seguito all’infezione da parte di un reovirus.

«Nel primo anno di vita il sistema immunitario è ancora immaturo, perciò su un bambino con un certo patrimonio genetico, un virus può lasciare una “cicatrice” che può avere conseguenze nel lungo periodo – sostiene Bana Jabri, professoressa nel dipartimento di Medicina e Pediatria a Chicago – Una volta fatti altri studi, dovremmo pensare di vaccinare i bambini più a rischio sviluppo della celiachia».

LA CELIACHIA IN ITALIA

L’idea di un vaccino in realtà era già stata presa in considerazione e attuata in alcune regioni italiane, dopo che alcune ricerche nel passato avevano collegato gastroenteriti provocate dal rotavirus alla celiachia. Già in questo altro caso la vaccinazione era rivolta agli individui geneticamente predisposti allo sviluppo della malattia.

Virus intestinale

La celiachia è una problematica che si sta espandendo in Italia, con un boom di diagnosi negli ultimi anni. In base alle statistiche il ministero della Salute stima che l’1 per cento della popolazione italiana sia celiaca, per un totale di circa 600 mila persone. Ma qualche mese fa la relazione annuale del Parlamento ha riportato 182.858 casi diagnosticati a fine 2015: una cifra che è quasi tripla rispetto a quella del 2007.

Virus intestinale

Non a caso il mercato dei prodotti gluten-free nel nostro paese è ormai definitivamente esploso.

Fonte: lastampa.it

Virus intestinale

Lascia una risposta