Non sempre le etichette garantiscono che i cibi siano privi di glutine

etichette

etichette

Da uno studio americano sulle note di avvertenza apposte sulle confezioni dei cibi per la possibile presenza di allergeni come glutine o grano sono emersi alcuni limiti. In generale, i celiaci e i sensibili al glutine dovrebbero affidarsi a prodotti con etichette “senza glutine”; in questo modo possono essere sicuri che il quantitativo in essi contenuto non supera la soglia stabilita da FDA.

03 OTT(Reuters Health) – Uno studio finanziato a livello aziendale sostiene che alcuni cibi che sembrano essere privi di grano o glutine sulla base delle etichette apposte sulla confezione potrebbero comunque contenere tracce di questi ingredienti. I ricercatori hanno testato 101 cibi venduti negli Stati Uniti non lavorati con ingredienti noti per contenere glutine, come grano, orzo, segale, malto o lievito di birra. Questi cibi non erano etichettati come “senza glutine”, ma i consumatori potevano supporre che lo fossero, poiché le sostanze contenenti glutine non erano presenti nell’elenco degli ingredienti.

Alcuni dei prodotti avevano etichette che avvertivano della possibile presenza di glutine. Tuttavia, degli 87 prodotti privi di etichette di questo tipo, 13 articoli, il 15%, sono risultati positivi al glutine. I test sono stati effettuati tramite Gluten Free Watchdog, un’azienda che chiede una tariffa di abbonamento mensile per report sui test per la presenza di glutine.

“Nella nostra ricerca, l’uso di una nota di avvertenza per la presenza di allergeni in prodotti non etichettati come senza glutine ma che sembravano essere privi di ingredienti che lo contenessero non risultava un utile predittore del contenuto di glutine”, ha dichiarato l’autrice principale Tricia Thompson, fondatrice di Gluten Free Watchdog.

Lo studio fa luce sui limiti delle note di avvertenza di possibili allergie, informazioni volontarie fornite sulle etichette dei prodotti venduti negli USA che fanno notare, ad esempio, quando i cibi vengono lavorati nella stessa struttura in cui avviene la lavorazione di grano o noci.

“Le note di avvertenza sulla presenza di allergeni sono volontarie e attualmente non definite da nessuna normativa federale”, ha aggiunto Thompson. “Alcuni produttori si servono di queste note per avvertire i consumatori di pratiche di lavorazione che potrebbero risultare nel contatto incrociato con allergeni; ma molti non lo fanno”.

Le linee guida della U.S. Food and Drug Administration richiedono che i prodotti confezionati etichettati come “senza glutine” contengano meno di 20 parti per milione (ppm) di glutine. L’obiettivo di queste norme è limitare l’esposizione al glutine per le persone affette da celiachia.

Circa una persona su 100 è celiaca, cioè il consumo di glutine le innesca una risposta autoimmune che danneggia l’intestino tenue. Il danno interferisce con l’assorbimento di nutrienti tramite il cibo. Se non curata, tale condizione può portare a complicazioni come malnutrizione, ridotta densità ossea, intolleranza al lattosio e infertilità.

Il presente studio ha esaminato una serie di cibi, tra cui cereali, spezie, tè, caramelle, bevande e prodotti da forno. 14 di questi articoli contenevano sull’etichetta note di avvertenza di possibili allergie a grano o glutine e solo uno è risultato positivo alla sostanza, osservano i ricercatori sullo European Journal of Clinical Nutrition, online il 14 settembre.

Tra gli 87 prodotti privi di avvertenze sulle allergie, 74 contenevano poco o niente glutine. Altri nove articoli ne presentavano in quantità che oscillavano dalle 5ppm alle 19 ppm e 4 avevano almeno 20 parti per milione di glutine. Lo studio è ristretto e i risultati non sono rappresentativi di tutti i cibi venduti nei negozi statunitensi, notano gli autori. Inoltre, è impossibile dire a che punto della linea di produzione questi cibi siano stati contaminati da glutine, evidenziano. Va aggiunto che lo studio manca di dati su come i consumatori potrebbero interpretare le informazioni sulle etichette.

Quando leggono “senza glutine” possono fidarsi che ciò significa che la quantità di glutine non supera quella consentita da FDA, ha spiegato Marianne Smith Edge, dietologa ed ex presidente dell’Accademia di Nutrizione e Dietetica.

“Tuttavia, le note precauzionali sulle etichette del tipo “potrebbe contenere…” lasciano incertezze ai consumatori poiché attualmente non esistono normative per assicurarne la standardizzazione”, ha continuato Smith Edge, non coinvolta nello studio.

Alcuni prodotti risultati positivi al glutine contenevano avena, che può essere contaminata da grano o orzo al livello agricolo, durante la coltivazione o nei silos per i cereali, ha detto Steve Taylor, ricercatore di allergie alimentari presso l’Università del Nebraska di Lincoln e non coinvolto nello studio.
Anche spezie e tè sono risultati positivi al glutine e questi articoli vengono spesso importati da paesi che non hanno standard restrittivi per la contaminazione da glutine. Tuttavia, è improbabile che i consumatori facciano un uso così smodato di questi prodotti in una sola volta da avere una reazione allergica, ha aggiunto Taylor.

“Non credo che vi sia un problema”, ha affermato Taylor. “I consumatori sensibili al glutine dovrebbero affidarsi a prodotti con etichette senza glutine. Al contrario, dovrebbero fare attenzione a cibi a base di cereali che non presentano note sulla mancata presenza di glutine. Non credo che dovrebbero preoccuparsi di spezie e tè”.

Sebbene le persone con allergie e sensibilità potrebbero non avere effetti dopo il consumo di piccole quantità di glutine, i celiaci possono comunque subire danni da questa assunzione. Alcuni potrebbero non sentirsi male consumando cibi con tracce di glutine, ma l’esposizione a lungo termine può comunque portare al danneggiamento dell’intestino.

Fonte: European Journal of Clinical Nutrition 2016

Lisa Rapaport

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)  

Fonte: www.quotidianosanita.it

Lascia una risposta